SENTINELLE CHRETIENNE

Bienvenue sur mon blog: Homme 76 ans Retraité, Chrétien Évangélique, poète et écrivain publie sur blogs, n’aime pas la polémique ni la vulgarité, aime beaucoup les bonnes fructueuses échanges d’opinions. J’ai besoin de vos commentaires d’encouragement.

 
  • Accueil
  • > Archives pour novembre 2016

Un grand bonhomme de neige 9 novembre, 2016

Classé dans : Priéres et Poésies — Sentinelle Chrétienne @ 20:08

bonhomedenege

Dans la nuit de l’hiver
galope un grand homme blanc
c’est un bonhomme de neige
avec une pipe en bois

un grand bonhomme de neige
poursuivi par le froid
il arrive au village
voyant de la lumière
le voilà rassuré.
Dans une petite maison
il entre sans frapper
et pour se réchauffer
s’assoit sur le poêle rouge,
et d’un coup disparait
ne laissant que sa pipe
au milieu d’une flaque d’eau
ne laissant que sa pipe
et puis son vieux chapeau.

Jacques Prévert

 

 
  • Accueil
  • > Archives pour novembre 2016

Celui qui n’est pas avec moi est contre moi 8 novembre, 2016

Classé dans : religion — Sentinelle Chrétienne @ 11:42

VientJesus

Nous sommes en train de vivre les derniers instants de ce monde. Plus personne ne peut encore nier l’évidence de l’accomplissement de la prophétie. Et la plus grande épreuve par laquelle devra bientôt passer les habitants de ce monde c’est l’ultime choix entre le Christ et le monde. Du choix de chacun dépendra le destin de chacun.

Choisir le Seigneur Jésus Christ ne consiste pas en de vaines paroles, de faux-semblants devant les hommes ni au port d’une croix ou de vêtement spécial pour paraître chrétien. Le Seigneur Jésus Christ demande à chacun de ceux qui veulent Le suivre de vivre comme Il a vécu. Un véritable changement qui opère de l’intérieur, une réelle transformation du caractère, voila la vraie chrétienté. L’amour de Dieu et l’amour de son prochain, c’est ce qui doit primer.

Bientôt, et même très bientôt, la ligne de démarcation entre le peuple de Dieu et le monde sera nettement visible. Les Saints recevront le sceau du Seigneur Jésus Christ, qui est Son Esprit Saint; tandis que les égarés recevront la marque de celui qu’ils ont choisi d’honorer en suivant ses préceptes plutôt que ceux de l’Eternel.

Et toi mon frère, ma sœur, sais-tu dans quel groupe tu seras? Seras-tu parmi ceux qui préfèreront satisfaire leurs vies temporelles au détriment de la vie éternelle ? ou seras-tu parmi ceux qui vont persévérer dans les commandements de Dieu et dans la foi en Jésus Christ, et ce au prix de ta vie comme, l’a annoncé le voyant de Patmos dans Révélation 14:12?

 

 
  • Accueil
  • > Archives pour novembre 2016

Le Seigneur Jésus Christ viens avec Sa rétribution 6 novembre, 2016

Classé dans : religion — Sentinelle Chrétienne @ 11:56

42-Beato%20Angelico_GU

Le Seigneur Jésus Christ dit : « Voici, Je viens bientôt, et Ma rétribution est avec Moi, pour rendre à chacun selon ce qu’est son œuvre » Apocalypse 22 : 12

Quand l’Eternel notre Dieu créa le monde et ses habitants, Son plan n’était pas que Ses créatures soient réduites à l’état d’esclaves du péché comme nous le sommes tous aujourd’hui. Dieu voulait et veut que l’homme soit à Son image tant physique que moral, exempte de toute trace de péché et non sujet à la mort. Malheureusement, nos premiers parents ont failli à l’épreuve d’obéissance qui a été mise devant eux. Plutôt que de garder ferme ce que l’Eternel avait défendu, ils ont préféré écouter la voix du tentateur et tomber dans ses tromperies. Cette désobéissance leur a couté la vie éternelle car dans Sa sagesse infinie, l’Eternel notre Dieu savait qu’aucun pécheur ne doit vivre éternellement. Aujourd’hui, nous pouvons voir, nous autres qui vivons dans les derniers jours de ce monde, combien le péché a détruit la terre et avilit l’homme au cours de ses quelques 80 années de vie en moyenne. Combien plus cela aurait été si l’homme était resté immortel !

La voie de la rébellion contre les préceptes de l’Eternel n’a pas été ouverte par Adam et Eve. En remontant l’histoire, les Saintes Ecritures racontent que c’est Lucifer qui est l’auteur du péché. Alors qu’il était un ange parfait et intègre dans ses voies, un chérubin protecteur et estimé de tous (Ezéchiel 28 : 14, 15), son cœur finit par se détourner de Dieu pour chérir le moi. Son orgueil a pris le dessus (v. 17) et sa soif de pouvoir n’eut plus de limite au point qu’il voulut siéger à la place de l’Eternel (Esaïe 14 : 13, 14). Mais aucune créature ne peut prendre la place du Créateur ; un être créé et limité ne peut s’asseoir à la place de l’Etre infini et du tout puissant ; aucun autre gouvernement ne sera aussi sage et parfait que Celui établi par Dieu Lui-même. Mais Lucifer, ne voulant pas se repentir de sa rébellion, fit la guerre contre Son Créateur. Lui et les anges qui se sont unis à lui ne furent pas les plus forts (Apocalypse 12 : 7, 8). « Et il fut précipité, le grand dragon, le serpent ancien, appelé le diable et Satan, celui qui séduit toute la terre, il fut précipité sur la terre, et ses anges furent précipités avec lui » (v.9).

Assoiffés de vengeance, Satan et ses anges s’assurent aujourd’hui que d’autres créatures de l’Eternel se dressent contre le Créateur par une désobéissance contre Ses Saints préceptes. Les Commandements de Dieu étant, en effet, le fondement de Son gouvernement parfait et bien ordonné, remettre en doute la perfection de ceux-ci devant l’univers justifierait leur rébellion et leur vouloir de les changer selon leur volonté. De la même manière que Satan a entrainé le tiers des anges dans sa rébellion et dans sa chute (Révélation 12 : 4), il a aussi poussé Adam et Eve à désobéir les ordres de l’Eternel. « L’Éternel Dieu donna cet ordre à l’homme: tu pourras manger de tous les arbres du jardin; mais tu ne mangeras pas de l’arbre de la connaissance du bien et du mal, car le jour où tu en mangeras, tu mourras » (Genèse 2 : 16, 17). « Vous ne mourrez point, insinua Satan ; mais Dieu sait que, le jour où vous en mangerez, vos yeux s’ouvriront, et que vous serez comme des dieux, connaissant le bien et le mal » (Genèse 3 : 4, 5). A l’instant où le premier péché fut même consommé, nos premiers parents furent sujets à la mort (v.19). La souffrance, les douleurs et les maladies allaient devenir leur lot (v. 16 – 19). Et le premier sacrifice pour expier leur péché a été immolé (v.21). L’arbre de vie pouvait encore leur redonner accès à la vie éternelle mais le péché ne peut perpétuer éternellement (v.22 – 24). Adam et Eve furent alors chassés du paradis, le jardin d’Eden.

Des millénaires se sont écoulés depuis la chute de nos premiers parents mais les tactiques de Satan et des anges déchus sont toujours restées les mêmes : renverser le gouvernement de Dieu en ébranlant ses fondements et en poussant les hommes dans la rébellion. Aujourd’hui, la majorité des enseignements affirment que les Dix commandements de Dieu sont abolis et que nous vivons dans une ère de liberté. Mais à quoi aurait donc servit l’immense sacrifice du Seigneur Jésus Christ si finalement, ces fameux Dix commandements pouvaient être abolis ? Le Seigneur Jésus Christ Lui-même a strictement affirmé que : « Ne croyez pas que Je sois venu pour abolir la loi ou les prophètes; Je suis venu non pour abolir, mais pour accomplir. Car, Je vous le dis en vérité, tant que le ciel et la terre ne passeront point, il ne disparaîtra pas de la loi un seul iota ou un seul trait de lettre, jusqu’à ce que tout soit arrivé » (Matthieu 5 : 17, 18).

Ses propos sont clairs et indiscutables. Tous ceux qui enseignent autres choses que les enseignements du Divin maitre n’est point de Lui. En accomplissant la loi, le Seigneur Jésus Christ a, en effet, montré par là qu’il est tout a fait possible à un homme de père et de mère de vivre dans l’entière soumission aux Commandements de l’Eternel. Ce qui contredit directement les propos de Lucifer qui voulait montrer que les Saints Commandements de l’Eternel sont impossibles à garder. Par Sa vie d’entière obéissance et de soumission aux Commandements de l’Eternel, Jésus Christ a prouvé à l’univers la justice de la loi de Dieu et a dénoncé les fausses accusations de Satan contre le bon fondement du gouvernement de Dieu. Par Son sacrifice, le Seigneur Jésus Christ a servi d’expiation à tous ceux qui veulent recevoir Ses mérites et se détourner de leur voie de pécheur et de rebelle. La mort du Seigneur a aussi démasqué la cruauté de Satan et ses véritables intentions de faire périr le Fils même de l’Eternel. Et par Sa résurrection, le Seigneur Jésus Christ a vaincu la malédiction du péché qui est la mort dans laquelle tous les fils d’Adam sont plongés. Dans Son Amour infini, Dieu l’Eternel a consenti à donner Son Fils pour la rédemption des hommes et le Seigneur Jésus Christ a promis de donner la vie à tous ceux qui Le reçoivent comme Sauveur et Maitre.

Les temps ne seront pas toujours favorables à tous ceux qui veulent persévérer dans les Dix Commandements de l’Eternel. La Révélation l’a annoncé d’avance que Satan s’en prendra à tous ceux qui veulent s’accrocher aux véritables enseignements du Christ : « Et le dragon fut irrité contre la femme, et il s’en alla faire la guerre au restes de sa postérité, à ceux qui gardent les commandements de Dieu et qui ont le témoignage de Jésus » (Apocalypse 12 : 17). Mais le Seigneur appelle à la persévérance de Son Saint peuple qui garde les Commandements de Dieu et la foi en Jésus Christ (Apocalypse 14 : 12). Ceux qui se détourneront des enseignements du Christ et de Ses Commandements pour adhérer à d’autres enseignements et commandements qui ne sont point de Lui recevront la marque de la bête et boiront la coupe du vin de la colère de Dieu ; comme il est écrit : « … Si quelqu’un adore la bête et son image, et reçoit une marque sur son front ou sur sa main, il boira, lui aussi, du vin de la fureur de Dieu, versé sans mélange dans la coupe de sa colère, et il sera tourmenté dans le feu et le soufre, devant les saints anges et devant l’agneau. Et la fumée de leur tourment monte aux siècles des siècles; et ils n’ont de repos ni jour ni nuit, ceux qui adorent la bête et son image, et quiconque reçoit la marque de son nom » (Apocalypse 14 : 9 – 11).

« C’est ici la persévérance des saints, qui gardent les commandements de Dieu et la foi de Jésus » (v.12)

 

 
  • Accueil
  • > Archives pour novembre 2016

CRISTIANI PESCATORI DI UOMINI 5 novembre, 2016

Classé dans : Religione — Sentinelle Chrétienne @ 10:57

 Esper1

Benedetto sia l’uomo che confida nell’Eterno, e la cui fiducia é l’Eterno! (Geremia 17:7) 

MISSIONE  CRISTIANI  PESCATORI  DI  UOMINI

 Gesù disse.  » Io vi farò pescatori di uomini » Matteo 4:19

 Periodico di Salvatore Comisi              N°   001

  XXXXXXXXXXX 

P R O C L A M A Z I O N E  DELL’ E V A G E L O       

GESU’ CRISTO HA VINTO SATANA

Tu che, forse senza saperlo, sei lontano da DIO, rifletti e  vieni al SALVATORE, il FIGLIO DI DIO che si é offerto in sacrificio, al martirio della croce, per salvare TUTTI coloro che lo accettano come SIGNORE E DIO. Il CREATORE e SIGNORE dell’universo  vuole salvarti. Egli é disposto a perdonare TUTTI i tuoi peccati, come lo ha fatto per me, ed a concederti lo SPIRITO SANTO che ti guiderà nella via che Gesù Cristo ci ha indicata.    

Non pensare che il mio solo scopo sia quello di convincerti a cambiare vita,  il mio compito non é solo quello di portarti  a scegliere DIO ansiché Satana. Un tale passo può essere fatto da te, solo se lo vuoi, solo se ami veramente Gesù Cristo.

La convinzione di essere un peccatore e la forza per deciderti ad amarlo, può dartela solo lo SPIRITO SANTO. Ciò che io faccio  è il semplice annunzio dell’Evangelo di Cristo affinché tu sappia che EGLI TI AMA e ti vuole  L I B E R O  di accettarlo o rifiutarlo.

« Perché se io evangelizzo, non ho da trarne vanto, poiché NECESSITA’ me n’è imposta; e  guai a me se non evangelizzo!  » dice S. Paolo in 1 Corinzi 9:16. Questa necessità viene dal fatto che molti sono in pericolo di morte, MORTE   ETERNA ! Nella sofferenza infernale.

S. Paolo scrive:  » Non hanno aperto il cuore all’amore della verità per essere salvati. E perciò Iddio manda loro efficacia d’errore onde credano alla menzogna, affinché tutti quelli che NON han creduto alla verità, ma si son compiaciuti nell’iniquità, siano giudicati.

2 Tessalonicesi 2:11-12  APRI IL TUO CUORE A GESU’ ED EGLI TI SALVERA’

Necessità me n’é imposta, perché forse, tu credi di adorare e servire DIO mentre invece adori e servi il diavolo che ti ha accecato e reso incapace di distinguere la voce di DIO dalla voce del diavolo che ti  spinge contro il tuo SIGNORE.

Dopo questo annuncio, la tua sarà una scelta libera e personale (per l’UNO o per l’altro). DIO  non ha mai obbligato nessuno a fare la SUA volontà, allora, se non Lo ascolti, non ti aspettare alcun aiuto da DIO, quel DIO che tu tradisci volontariamente, ma sappi che,  se un giorno  TU  ti pentirai sinceramente DIO ti accoglierà e t’aiuterà.

Scrive ancora S. Paolo in 2 Timoteo 3:1 e seguenti: « Or sappi questo, che negli ultimi giorni verranno dei tempi difficili; perché gli uomini saranno egoisti, amanti del danaro, vanagloriosi, superbi, bestemmiatori, disubbidienti ai genitori, ingrati, irreligiosi, senza affezione naturale, mancatori di fede, calunniatori, intemperanti, spietati, senza amore per il bene, traditori, temerari, gonfi, amanti del piacere anziché di DIO, aventi le forme della pietà, ma avendone rinnegata la potenza. « 

Non c’é bisogno di essere molto intelligenti per capire che siamo proprio in quegli ultimi tempi che S. Paolo profetizzava 2000 anni fa. Sta a noi scegliere chi onorare e servire, perché nessuno può dire di non avere un signore e padrone: DIO o Satana. Scegli DIO accettando il sacrificio fatto da GESU’ CRISTO affinché i tuoi peccati possano essere perdonati, e avrai il PARADISO e non l’inferno. Ed in quanto figliolo di DIO hai diritto alla SUA protezione contro gli attacchi satanici.

 CRISTO TI AMA, VUOI AMARLO ANCHE TU ?

Il solo mezzo per conoscere il DIO unico: PADRE FIGLIO SPIRITO SANTO, è di leggere la Sua Divina Parola : LA SACRA BIBBIA.

La Bibbia non è un libro, ma diversi libri, e l’uso del singolare sottolinea che la diversità  degli  scrittori  ricopre una  meravigliosa  unità  rivelando  una guida intelligente,  DIO  che  non  cessa  di operare durante più di mille  anni  di redazione  dove ci parla, attraverso l’ispirazione della  SUA     Parola rivelatrice. 

Per  RIVELAZIONE  non  s’intende  solo la  comunicazione di AUTO – RIVELAZIONE, cioè Dio che rivela se stesso agli uomini.

L’ISPIRAZIONE, nel senso religioso del termine, si traduce con un fatto di  ordine psicologico: La presa di possessione completa dell’anima umana dallo Spirito di Dio. In questo fenomeno, Dio fa passare il Suo Spirito Santo nello spirito dell’uomo ch’é in un’atmosfera propizia a ricevere il divino in un’azione rivelatrice,  tutte  le  rivelazioni  nel  senso biblico sono il prodotto dell’ispirazione,  Dio mette  il suo  Spirito  nell’uomo per istruirlo di quelle verità che ignora. Dio culmina la Sua opera di rivelazione nella persona di GESU’ CRISTO, Egli é lo strumento per  eccellenza  della  rivelazione  ed in Lui, tutto quello che doveva essere detto é stato detto. Oggi  al credente viene rivelato GESU’ CRISTO.

Secondo S. Paolo (2 Timoteo 3:16-17) « Ogni Scrittura (della Bibbia) é ispirata da Dio e utile ad insegnare, a riprendere, a correggere a educare alla giustizia,  affinché l’uomo di Dio sia compiuto, appieno fornito per ogni buona opera »

L’arma del cristiano è la BIBBIA, raccolta di 66 libri e si divide in:    VECCHIO   e   NUOVO TESTAMENTO

IL VECCHIO TESTAMENTO è  composto di 39 libri così suddivisi:

PENTATEUCO: 5 libri di Mose: Genesi, Esodo, Levitico, Numeris, Deuteronomio

I LIBRI STORICI:  Giosuè, Giudici, Ruth, 1 e 2 Samuele, 1 e 2 Re, 1 e 2 Cronache, Esdra, Nehemia, Ester.

I LIBRI POETICI: Giobbe,  Salmi,  Proverbi, Ecclesiaste, Cantico dei Cantici.

I LIBRI PROFETICI:  Isaia,  Geremia,  Lamentazioni,  Ezecchiele,  Daniele,  Osea, Gioele,  Amos,  Abdia,  Giona,  Michea,  Nahum,  Abacuc, Sofonia, Aggeo, Zaccaria, Malacchia.  (L’ultimo libro del Vecchio Testamento é del Profeta Malacchia 433 – 432  A C )

I LIBRI DEL NUOVO TESTAMENTO Sono  27:

EVANGELI: S. Matteo,  S. Marco,  S. Luca, S. Giovanni.

RACCONTI: Un solo libro: FATTI  o  ATTI  DEGLI  APOSTOLI.

EPISTOLE di S. PAOLO:  (sono 13):   Ai Romani,   1 e 2 Corinzi,  Galati, Efesini, Filippesi, Colossesi, 1 e 2 Tessalonicesi, 1 e 2 Timoteo, Tito, Filimone.  

L’Epistola  Agli  EBREI  (di anonimo) viene attribuita a S. Paolo.     

Altre epistole sono: 1 e 2 di S. Giacomo, 1 e 2 di S. Pietro, S. Giuda e 1, 2, e 3 di S. Giovanni.

IL LIBRO PROFETICO: che chiude la raccolta é L’APOCALISSE.

Mio caro amico, mia cara amica che mi hai letto fino a qui, voglio chiudere questo  mio  scritto invitandoti a procurarti una copia della Sacra Bibbia perché essa è  il solo  nutrimento spirituale che  non perisce mai, ma che anzi fa del bene all’anima ed  a tutto  il tuo essere. 

Io non ti do l’indirizzo di una Chiesa Cristiana, perché su questo sta a te di decidere e scegliere, ma ti chiedo di leggere la Bibbia, la parola di Dio, che é stata scritta per ispirazione Divina ed é perciò comprensibile per tutti.                        

La  PAROLA   di   DIO  può  condurti alla  salvezza della  tua  anima, preziosissima  ai   SUOI  occhi.  Essa ti  farà avere  quel rapporto personale con il tuo SALVATORE che un giorno, quando sarà la tua ora ti condurrà nel cielo con i suoi angeli.      

Leggila  attentamente   tutti i giorni  con fede. Medita e chiedi a Dio di mandarti lo Spirito Santo, il quale ti guiderà nella comprensione di essa e nella  sua assimilazione.       LO SPIRITO SANTO, ti convincerà ad accettare GESU’ CRISTO quale tuo Signore e SALVATORE e così riceverai il dono NON meritato della VITA ETERNA.

Se ci saranno delle cose che tu non riesci a capire, non ti devi preoccupare, Dio si rivela ad ogn’uno di noi a poco a poco, sappi per certo che non tutto ti sarà rivelato in un giorno, come non potrai mai bere una grossa botte di vino in un solo giorno.

Partager cet article

 

 
  • Accueil
  • > Archives pour novembre 2016

La Bibbia é scrittura completa 4 novembre, 2016

Classé dans : Religione — Sentinelle Chrétienne @ 16:18

CACGT8N9CALTH8M0CAIDMNCOCA9TR8RXCA164S5HCAOXRWM2CAROWKPMCA4

La completezza della Bibbia Dal sito : butindaro.interfree.it

La Bibbia contiene tutto ciò che l’uomo ha bisogno di credere per essere salvato e che noi credenti abbiamo bisogno di sapere per piacere a Dio con tutta la nostra condotta, oltre che le predizioni di cose future che sono indispensabili conoscere in vista della fine di ogni cosa per essere salvati.

Prendiamo inizialmente gli scritti del Nuovo Testamento.

Paolo dice ai Romani che per essere salvati si devono fare queste cose: « Se con la bocca avrai confessato Gesù come Signore, e avrai creduto col cuore che Dio l’ha risuscitato dai morti, sarai salvato » (Rom. 10:9); e nel Nuovo Testamento ci sono molti passi che parlano della signoria di Cristo e del fatto che Dio l’ha risuscitato dai morti. Quindi se un peccatore apre un Nuovo Testamento e legge la storia di Gesù di Nazaret (scritta da Matteo o da Luca o da Marco o da Giovanni) e l’accetta così come è scritta viene salvato all’istante da Dio.

Anche nel caso egli leggesse solo una epistola di Paolo e confessasse che Gesù è il Signore e credesse col cuore che Dio l’ha risuscitato dai morti egli verrebbe salvato all’istante da Dio. E se per caso egli avesse solo gli Scritti dell’Antico Patto? Bene, diciamo che anche in questo caso egli può essere salvato perché la legge, i Salmi e i profeti parlano di Gesù di Nazaret.

Nei Salmi e nei profeti per esempio sono trascritte le sofferenze del Cristo per i nostri peccati, nel salmo sedicesimo Davide parla della risurrezione del Cristo; quindi se uno crede che quelle parole si sono adempiute in Gesù di Nazaret, di cui egli ha udito parlare, egli viene salvato dai suoi peccati. Ricordatevi che l’eunuco quando Filippo lo sentì parlare stava leggendo il profeta Isaia, e che Filippo da quel passo della Scrittura gli annunciò Gesù, e l’eunuco fu salvato (cfr. Atti 8:26-38). Ancora non c’erano gli Scritti di Matteo, Marco, Luca e Giovanni che parlano della venuta di Cristo della sua morte e risurrezione e di come in lui si sono adempiute le Scritture; eppure Filippo da quel passo di Isaia gli annunciò lo stesso Gesù che predichiamo noi, e quell’eunuco fu salvato.

Anche l’apostolo Paolo a Roma annunciò ai Giudei che Gesù era il Cristo traendo i suoi ragionamenti dalle Scritture dell’Antico Patto ed alcuni restarono persuasi e furono salvati (cfr. Atti 28:23-24). A dimostrazione questo che anche solo con gli Scritti dell’Antico Patto si può annunciare ai Giudei la morte e la risurrezione di Cristo e persuaderli che Gesù è il Cristo (naturalmente per far questo è necessario conoscere bene le Scritture dell’Antico Patto e quelle del Nuovo). Quindi dei Giudei possono rimanere persuasi che Gesù di Nazaret è il Messia morto per i nostri peccati e risuscitato per la nostra giustificazione sentendo parlare accuratamente delle cose relative a Gesù solo con la legge, i Salmi e i profeti.

Niente di cui meravigliarsi ben sapendo che l’Evangelo fu promesso da Dio negli Scritti dell’Antico Testamento (cfr. Rom. 1:2-3); tanto è vero che Gesù quando apparve ai due che erano sulla via di Emmaus « cominciando da Mosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture le cose che lo concernevano » (Luca 24:27), e quando apparve ai suoi discepoli disse loro: « Così è scritto, che il Cristo soffrirebbe, e risusciterebbe dai morti il terzo giorno, e che nel suo nome si predicherebbe ravvedimento e remission dei peccati a tutte le genti, cominciando da Gerusalemme » (Luca 24:46-47).

Va detto ora qualcosa circa il mistero di Dio occulto sin dalle più remote età, ma manifestato ai santi del Signore nella pienezza dei tempi. Mi riferisco al fatto che i Gentili sono eredi con i Giudei, e membri di un medesimo corpo con loro perché Cristo sulla croce ha fatto morire l’inimicizia che esisteva fra loro e Dio e quella che esisteva fra i Giudei e i Gentili; ossia come dice Paolo: « Ha abbattuto il muro di separazione con l’abolire nella sua carne la causa dell’inimicizia, la legge fatta di comandamenti in forma di precetti » (Ef. 2:14-15). Questo mistero infatti è strettamente collegato al messaggio della salvezza perché con la sua rivelazione Dio ha manifestato che Egli « vuole che tutti gli uomini siano salvati » (1 Tim. 2:4), e non solo i Giudei.

E’ evidente che fino a che Cristo non morì sulla croce e lo Spirito Santo non rivelò questo mistero ai santi apostoli e profeti, questo mistero rimase nascosto. Sì, nelle Scritture dell’Antico Patto vi erano molti versi che predicevano in svariate maniere che i Gentili un giorno sarebbero entrati a far parte del popolo di Dio per cui Dio non si sarebbe vergognato di chiamarli suo popolo, ma questi passi erano coperti da un velo per cui ancora non venivano intesi. Ma quando il Signore aprì la mente per intenderli allora le cose furono chiare agli occhi di Giudei e Gentili; Dio aveva deciso di chiamare i Gentili a far parte del suo popolo. E come poté adempiersi questa predizione di Dio? Mediante la morte sulla croce di Cristo Gesù. Infatti, come ho detto prima, egli morendo sulla croce abbatté il muro di separazione, costituito dalla legge di Mosè, che divideva Giudei e Gentili da Dio, e i Giudei dai Gentili.

E banditore di questo mistero fu costituito Paolo da Tarso il quale nelle sue epistole ne parla in svariate maniere. Le sue epistole sono dunque necessarie per intendere la gloria di questo mistero. Il piano della salvezza che Dio aveva formato in se stesso avanti la fondazione del mondo è stato dunque fatto conoscere a tutte le nazioni.  Per piacere a Dio. Paolo dice a Timoteo che ogni Scrittura è ispirata da Dio « e utile ad insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia, affinché l’uomo di Dio sia compiuto, appieno fornito per ogni opera buona » (2 Tim. 3:16-17): quindi per essa noi possiamo essere resi compiuti.

Consideriamo gli Scritti del Nuovo Testamento; in essi ci sono i precetti per i mariti e per le mogli, per i figli e per i genitori, per i servi e per i padroni, per i conduttori e per i fedeli, in essa ci sono diversi riferimenti alla preghiera, al digiuno, alla lode, alla elemosina e ad ogni altra opera buona, ai miracoli e alle rivelazioni e a tante altre cose; in verità essi sono in grado di renderci compiuti in ogni bene e renderci savi in Cristo. E non è che questo discorso non può essere fatto per gli Scritti dell’Antico Patto perché anche in essi ci sono tanti precetti per tutti noi, non importa la posizione che ricopriamo nel corpo di Cristo o se siamo maschi o femmine, genitori o solo figli, la cui osservanza porta onore a Dio; in essi ci sono tante storie che ci esortano ad avere fede in Dio per ottenere rivelazioni, guarigione, doni, ecc., ed oltre che fede in Dio anche pazienza per ottenere l’adempimento delle promesse di Dio. Paolo dice ai Romani che « tutto quello che fu scritto per l’addietro, fu scritto per nostro ammaestramento, affinché mediante la pazienza e mediante la consolazione delle Scritture, noi riteniamo la speranza » (Rom. 15:4).

Naturalmente, va detto che per quanto riguarda diverse cose (precetti su cibi, su giorni, sulla circoncisione, ecc.,) per evitare di ricadere sotto la legge di Mosè sono necessari gli insegnamenti degli apostoli che spiegano che quelle cose sono ombra di cose che dovevano avvenire e quindi non vanno più osservate. Ma Dio, che ben sapeva tutto ciò, a suo tempo ha provveduto l’insegnamento che completa quello antico.  La conoscenza delle cose future.

Per quanto riguarda gli avvenimenti che devono accadere prima del ritorno di Cristo, al suo ritorno, e dopo il suo ritorno, ci sono scritti nella Bibbia così tanti riferimenti che possiamo dire di non avere bisogno di sapere di più. Basta leggere le parole concernenti gli avvenimenti ultimi pronunciate da Gesù sul monte degli Ulivi prima di essere arrestato ed in altre circostanze, quelle scritte da Paolo, da Pietro, da Giovanni, e quelle pronunciate dagli antichi profeti secoli prima della venuta di Cristo (Isaia, Ezechiele, Daniele, Gioele, Zaccaria, Malachia) per rendersi conto di questo. Stando dunque così le cose a riguardo degli Scritti sacri è evidente che ci fu un tempo nel quale essi erano ancora incompleti perché mancavano gli Scritti del Nuovo Testamento che dovevano completare quelli dell’Antico. Possiamo quindi dire che alle Scritture (qui mi riferisco a quelle dell’Antico Patto già disponibili prima dell’apparizione di Cristo) la parte che mancava affinché divenissero complete era quella concernente la venuta di Cristo.

Ed infatti una volta che Cristo apparve e compì l’opera del Padre suo trasmettendo le sue parole e morendo sulla croce per i nostri peccati e risuscitando il terzo giorno (e la sua vita e i suoi insegnamenti e le sue predizioni furono messi per iscritto), e gli apostoli dopo di lui trasmisero per iscritto da parte di Dio altri insegnamenti e altre predizioni utili alla Chiesa, allora le Scritture furono rese complete. La Bibbia così composta è la finale rivelazione di Dio all’uomo. Non manca proprio nessun scritto per renderla completa perché già lo è.

Guai a chi aggiunge altri scritti ad essa; Gesù Cristo a Giovanni sull’isola di Patmos attestò infatti: « Io lo dichiaro a ognuno che ode le parole della profezia di questo libro: Se alcuno vi aggiunge qualcosa, Dio aggiungerà ai suoi mali le piaghe descritte in questo libro » (Ap. 22:18). Qualcuno forse obbietterà che queste parole si riferiscono esclusivamente al libro della Rivelazione, ma non è così. Come potremmo infatti affermare che sia lecito aggiungere qualcosa alla Bibbia nel suo insieme tranne che al libro della Rivelazione solo perché quelle parole di Gesù sono scritte alla fine di questo specifico libro della Bibbia? Ma non è forse scritto nella legge: « Non aggiungerete nulla a ciò che io vi comando, e non ne toglierete nulla… » (Deut. 4:2)? Quindi, l’ordine di non aggiungere nulla, pena la punizione descritta nel libro della Rivelazione, riguarda anche la Bibbia nel suo insieme e non solo il libro della Rivelazione; e poi quand’anche uno aggiungesse delle parole solo al libro della Rivelazione implicitamente le aggiungerebbe alla Bibbia perché l’Apocalisse è parte della Bibbia.

Oltre la Bibbia non esiste sulla faccia di tutta la terra un altro libro che può essere definito sacra Scrittura come la Bibbia; tutti coloro che pretendono di possedere dei libri sacri (oltre la Bibbia o al posto della Bibbia) definendoli sacre Scritture sono stati sedotti dal serpente antico e seducono gli altri. Alcuni (i Mormoni per esempio) attaccano la completezza della Bibbia dicendo che nel corso dei secoli furono tolte dal libro molte cose chiare e preziose. Ma ciò non corrisponde al vero perché le molte copie dei manoscritti dell’Antico Testamento che esistono variano solo in certe cose minime quali l’ortografia delle parole, l’omissione di una frase qui e là. Nell’insieme si può dire che nessuna parte dei Libri dell’Antico Testamento esistenti al tempo di Gesù e degli apostoli è andata perduta ma che noi possediamo quegli stessi Libri dell’Antico Testamento che possedevano gli Ebrei senza nessuna parte fondamentale mancante.

Una conferma dell’attendibilità dei Libri dell’Antico Testamento così come li abbiamo noi ora dopo migliaia di anni dalla loro stesura è venuta dal ritrovamento nel 1947 dei manoscritti tra i rotoli del Mar Morto che generalmente datano dal 200 circa al 50 a.C. Ebbene questi manoscritti contengono porzioni di ogni Libro dell’Antico Testamento eccetto Ester, e gli studi hanno rivelato che questi documenti così antichi sono sostanzialmente identici al testo dell’Antico Testamento che noi possediamo. Anche per quanto riguarda i manoscritti del Nuovo Testamento, i più vecchi dei quali risalgono al secondo secolo dopo Cristo, la situazione è sostanzialmente la medesima. Le variazioni che si possono riscontrare in essi, che sono copie degli originali o copie delle copie fatte dagli originali, sono di una importanza relativa perché riguardano questioni di ortografia, l’ordine delle parole, il tempo di alcuni verbi, e così via; ma in essi non mancano parti importanti del testo originale, e le variazioni esistenti non intaccano le dottrine fondamentali della Bibbia.

Una conferma a ciò che stiamo dicendo in difesa dell’Antico e del Nuovo Testamento così come li abbiamo oggi nella Bibbia viene dalla versione latina della Bibbia denominata Vulgata che risale al quarto secolo dopo Cristo e che fu fatta da Girolamo, (che è la versione della Bibbia adottata ufficialmente dalla chiesa cattolica romana con il concilio di Trento): in essa non mancano parti ‘chiare e preziosissime’ degli antichi manoscritti. Vero è che in essa sono presenti dei passi tradotti malamente da Girolamo, ma in essa non mancano ‘parti chiare e preziosissime’ della Bibbia da ritenerla una versione della Bibbia ‘mutilata’ di parti fondamentali, non sufficiente dunque per la salvezza.

Partager cet article
 

12
 
 

koki |
EGLISE DE DIEU Agapè Intern... |
UNION DES EVANGELISTES INTE... |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | bornagain
| وَلْ...
| articles religieux