SENTINELLE CHRETIENNE

Bienvenue sur mon blog: Homme 76 ans Retraité, Chrétien Évangélique, poète et écrivain publie sur blogs, n’aime pas la polémique ni la vulgarité, aime beaucoup les bonnes fructueuses échanges d’opinions. J’ai besoin de vos commentaires d’encouragement.

 

Da Patmos l’Apocalisse di San Giovanni 17 juin, 2010

Classé dans : Religione — Sentinelle Chrétienne @ 10:18

Oggi la parola Apocalisse è sinonimo di distruzione, di fine del mondo. Non era questa l’intenzione di Giovanni che imprigionato nell’isola greca di Patmos a causa della sua fede evangelica, durante le terribili persecuzioni messe in atto da Domiziano contro i cristiani, scrisse la Rivelazione.

La parola apocalisse non esiste nel Vecchio Testamento, ma viene usata la parola rivelazione (nel senso di togliere il velo a qualcosa che lo copre) per far conoscere all’uomo la volontà che viene da parte di Dio. Infatti sin dal primo versetto abbiamo: Il titolo e l’argomento del libro.

“La rivelazione di Gesù Cristo, che Dio gli ha data per mostrare ai suoi servitori le cose che debbono avvenire in breve; ed egli l’ha fatta conoscere mandandola per mezzo del suo angelo al suo servitore Giovanni, il quale ha attestato la parola di Dio e la testimonianza di Gesù Cristo, tutto ciò che egli ha veduto.

Beato chi legge e beati coloro che ascoltano le parole di questa profezia e serbano le cose che sono scritte in essa, poiché il tempo è vicino.”

Con forza poetica e profonda religiosità, l’Apocalisse di S. Giovanni è un’esortazione a la conversione a Gesù Cristo, sola speranza di salvezza, essa è pure una esortazione alla vigilanza, ma vuole anche consolare e rafforzare gli animi di coloro che si trovano su questa terra a combattere il male. Vi si trova la descrizione degli orrori terreni ed incita a credere nella vittoria di Cristo e di tutti coloro che in LUI vinceranno accolti in cielo.

Certamente, lo sfondo apocalittico è costituito dalle persecuzioni contro i cristiani che aveva scatenato Domiziano a seguito del loro rifiuto di offrire il culto all’imperatore, ed è possibile che la Babilonia di cui parla l’Apocalisse di Giovanni simboleggi Roma, la Roma dai sette colli concepita come la demoniaca incarnazione della potenza di questo mondo che perseguita i seguaci di Cristo.

Accueil

/author/salvatorecomisi/

 

Commenter

 
 

koki |
EGLISE DE DIEU Agapè Intern... |
UNION DES EVANGELISTES INTE... |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | bornagain
| وَلْ...
| articles religieux